Fisica ed etica del sé in Epicuro?