In margine alla nuova edizione dei 'Saggi di filosofia dantesca' di Bruno Nardi