Cioran, Platone e la città del rancore