«Benedizioni dal cielo e benedizioni dall'abisso». Giuseppe e le sue fonti