Sintassi e working memory: un nuovo paradigma di valutazione