Il valore conoscitivo delle cose “andate storte"