Quando nei romanzi troviamo i nostri "utenti"