La Corte di giustizia riconosce la compatibilità della normativa tedesca in materia di cogestione con il diritto dell’Unione europea