Dialogo o conflitto: la scelta ineludibile