Dante tra diritto, letteratura e politica