In margine ai recenti Annali oraziani e a proposito di una miscellanea scolastica parigina