"Casi sempre più gravi" e "bisogni in competizione". La definizione degli interventi nel welfare locale sotto pressione