La «fragile perfezione» dei fiori (e delle parole): Marco Lodoli tra ‘diario’ e ‘romanzo esistenziale’.