La mistica del silenzio: Arsenio e l'angelo dell'«incomprensibile fabulazione»