Il canto del cigno di Socrate: una celebrazione della morte?