Riflessioni sulla ‘sostenibilità musicale’ della seconda versione della Straniera di Bellini