Bergson e il «significato della guerra»