Accettazione del mondo e indipendenza morale: a partire dal “proprio” di Epitteto