La scienza aperta contro la mercificazione della ricerca?