La naturalezza artificiosa della scrittura epistolare di Gasparo Gozzi