La figura di Giovanni Peterlongo, funzionario asburgico trentino, poi primo sindaco eletto di Trento italiana, merita di essere studiata linguisticamente non solo per la formazione bilingue, ma anche per la scelta personale dell'esperanto, probabilmente rivelatrice di una particolare sensibilità "di confine" al plurilinguismo. Il saggio si propone di illustrare il contesto linguistico in cui nacque quella scelta che generò, nel Peterlongo irredentista e detenuto in Austria, la decisione di tradurre in esperanto la Commedia di Dante.

Il Trentino delle molte lingue

Baggio, Serenella
2015

Abstract

La figura di Giovanni Peterlongo, funzionario asburgico trentino, poi primo sindaco eletto di Trento italiana, merita di essere studiata linguisticamente non solo per la formazione bilingue, ma anche per la scelta personale dell'esperanto, probabilmente rivelatrice di una particolare sensibilità "di confine" al plurilinguismo. Il saggio si propone di illustrare il contesto linguistico in cui nacque quella scelta che generò, nel Peterlongo irredentista e detenuto in Austria, la decisione di tradurre in esperanto la Commedia di Dante.
Giovanni Peterlongo: l'uomo, il politico, l'esperantista
Trento
Centro Stampa Regione Autonoma Trentino-Alto Adige
Baggio, Serenella
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Baggio Peterlongo.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.19 MB
Formato Adobe PDF
2.19 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/123910
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact