La nostra «piccola Weimar»: la forma urbana del classicismo tedesco