Sulle tracce di don Paolo Moerich, chierico e scultore