Tra autografi e idiografi: l'esperienza di Gerhoch di Reichersberg