A proposito di penetrazione romana e controllo territoriale nel Piemonte orientale: qualche considerazione