Tecnoentusiasti e tecnofobici: l'umano in transizione