La reiterazione del mito violento e la retorica politica dello stupro in "The Rape of Lucrece" di William Shakespeare