La fuga romanzesca: note su "La lentezza" e "L'identità" di Milan Kundera