Stile ‘mantegazzesco’ e ‘cartaceo’: scelta estetica o prassi operativa?