La filosofia davanti alla Shoah, tra fallimento, miopia e tiqqun 'olam