Pensare e poetare: su Char e Heidegger