Spettatori e critici: una convergenza difficile?