Verso un nuovo regime collettivo per l'auto?