La dignità nel fine vita: un concetto dirimente?