Il plagio tra memoria e creatività