Gli psicofarmaci tra medicalizzazione e autocura