Conservare l'intelligenza: la lezione del personalismo rosminiano