"Veramente è vivo e spira": Bernini e il ritratto