Dante e la tradizione giuridica romana nel libro II della "Monarchia"