Derivati e finanza locale: il caso italiano