Sulla morfologia dei libri di poesia in età moderna