"In un saggio del 1899 intitolato 'Come raccontare una storia', Mark Twain osserva che, a differenza della storia comica o di quella arguta (che possono essere raccontate da chiunque) la storia umoristica è 'essenzialmente un'opera d'arte', come tale fondata su una serie di sottili e imprescindibili espedienti formali la cui conoscenza e padronanza definiscono, oltre alla qualità dell'opera, anche la statura dell'autore." (p.83)

Il filo del racconto: da Mark Twain a Roberto Bolaño

Nardon, Walter
2010

Abstract

"In un saggio del 1899 intitolato 'Come raccontare una storia', Mark Twain osserva che, a differenza della storia comica o di quella arguta (che possono essere raccontate da chiunque) la storia umoristica è 'essenzialmente un'opera d'arte', come tale fondata su una serie di sottili e imprescindibili espedienti formali la cui conoscenza e padronanza definiscono, oltre alla qualità dell'opera, anche la statura dell'autore." (p.83)
Al di là del genere
Trento
Università degli Studi di Trento. Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Filologici
9788884433190
Nardon, Walter
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/90481
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact