La Madonna di Seminara: il restauro