Aspetti della melodia di Martucci: la tecnica della “Variantenbildung” nel Notturno op. 70 n. 1