Tra pragmatismo e scetticismo: Papini e Rensi