La gloria del vincitore e la santità dello sconfitto: osservazioni sull'Erikskrönika antico svedese