I "problemi fondamentali" e la "scienza tedesca": uno “storicismo pragmatico”