Suicidio e 'odio di sé' ebraico nel primo Novecento: è il caso di Carlo Michelstaedter?