La nuova figura professionale del consulente (gen)etico impone di riflettere sulle scelte bioetiche del singolo, intese come momenti cruciali della vita di un individuo e non come manifestazioni di contrapposte ideologie. Infatti le nuove biotecnologie, e la genetica in modo particolare, non consentono l’utilizzo di un criterio di giustificazione che si muove “dall’alto verso il basso”, pena il sacrificio della libertà dell’individuo sull’altare del dibattito teoretico. IL consulente, perciò, non potrà presentare soluzioni predeterminate, ma dovrà aiutare il consultando a formulare un percorso argomentativo personale in grado di collegare le proprie scelte alle proprie premesse culturali e valoriali. L’autore ci accompagna passo per passo lungo questo percorso dialogico di autocomprensione razionale, cercando nella consulenza di matrice psicologica e filosofica le radici culturali di questa nuova professione, che esorbita da un contesto strettamente clinico. Per evitare una deriva di eterodirezione, la consulenza genetica dovrà considerare quale proprio fine precipuo la libertà del consultante. Essa potrà essere tutelata con successo solo se, grazie all’opera “di contrasto” del conulente-Socrate, il richiedente verrà restituito a se stesso, ovvero dirà a sé la sua verità. Verità che consiste in un collegamento tra i presupposti, non opponibili, che regolano la sua visione del mondo (logos) e la sua scelta di vita (bios) e che consentono di scoprirsi persona in senso autentico.

La consulenza (gen)etica: nuovi miti, nuovi oracoli, libertà della persona.

Sommaggio, Paolo
2010

Abstract

La nuova figura professionale del consulente (gen)etico impone di riflettere sulle scelte bioetiche del singolo, intese come momenti cruciali della vita di un individuo e non come manifestazioni di contrapposte ideologie. Infatti le nuove biotecnologie, e la genetica in modo particolare, non consentono l’utilizzo di un criterio di giustificazione che si muove “dall’alto verso il basso”, pena il sacrificio della libertà dell’individuo sull’altare del dibattito teoretico. IL consulente, perciò, non potrà presentare soluzioni predeterminate, ma dovrà aiutare il consultando a formulare un percorso argomentativo personale in grado di collegare le proprie scelte alle proprie premesse culturali e valoriali. L’autore ci accompagna passo per passo lungo questo percorso dialogico di autocomprensione razionale, cercando nella consulenza di matrice psicologica e filosofica le radici culturali di questa nuova professione, che esorbita da un contesto strettamente clinico. Per evitare una deriva di eterodirezione, la consulenza genetica dovrà considerare quale proprio fine precipuo la libertà del consultante. Essa potrà essere tutelata con successo solo se, grazie all’opera “di contrasto” del conulente-Socrate, il richiedente verrà restituito a se stesso, ovvero dirà a sé la sua verità. Verità che consiste in un collegamento tra i presupposti, non opponibili, che regolano la sua visione del mondo (logos) e la sua scelta di vita (bios) e che consentono di scoprirsi persona in senso autentico.
Milano
Angeli
9788856831153
Sommaggio, Paolo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/84451
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact