L' "uomo situato". Due idealtipi di democrazia partecipativa?